Calcio

Allegri: "Il rosso a Douglas? Caduto nella provocazione"

Doppietta di Cristiano, altri tre punti in cascina e Juve che viaggia a gonfie vele e bottino pieno. Allegri è decisamente soddisfatto, nonostante sul finale l’episodio di Costa avrebbe potuto cambiare tutto: “Cos’è successo? Forse c’era un fallo prima, ma sono episodi che non devono accadere. Lo sputo è stato inaccettabile, Douglas è un bravo ragazzo e lo sa. Salterà partite creando danno, bisognava gestire la palla, invece lui è cascato nella reazione per un fallo. La reazione non è giustificata: ci sarà sicuramente provvedimento della società, queste cose vanno evitate”, ha subito ammonito il tecnico.
provocazioni — Il leitmotiv del tecnico bianconero è chiaro: “Non dobbiamo cadere nelle provocazioni. Era una partita in discesa, praticamente chiusa, magari potevamo fare anche il terzo gol. Invece non abbiamo giocato di squadra, volevamo dribblare un po’ tutti e questo non va bene. Perché gli altri entrano, qualcuno si innervosisce e succede quello che è successo”.
primo gol cr7 — Intanto, Allegri può godersi il primo sigillo di Cristiano Ronaldo: “Non c’era assolutamente bisogno di quest’ansia, bisognava vedere le prime tre partite, ha avuto diverse occasioni. E’ stato molto frettoloso, poi il calcio ti dà quello che ti toglie. Il secondo gol, poi, è stato meraviglioso”. Su Dybala regista avanzato non ha dubbi: “Giocando così abbiamo meno ampiezza, ma i terzini sono stati bravi. Il Sassuolo ha giocato bene, ma la squadra ha preso in mano la partita e l’ha portata dove doveva andare”.
la formazione — Dopo una sola presenza dal primo minuto, Dybala è tornato tra i titolari: “Se ho bluffato in conferenza? – ha chiarito Allegri – Riguardate la conferenza, io ieri ho detto che Dybala avrebbe giocato. Siete troppo lineari, lo sapevo che non avrebbe indovinato nessuno”. Infine, una battuta sulle giocate leziose che tanto lo fanno arrabbiare: “Prima Cancelo, poi Douglas, Bentancur… bisogna essere più bravi, solo questi episodi ci possono condannare”.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top