Formula 1

Arrivabene: "Ok i sensori Ma certe fughe di notizie.."

La Ferrari soffre, ma è regolare. Lo dice il team principal della rossa, Maurizio Arrivabene, spiegando lo stato di forma della SF71H dopo le libere di Suzuka: “Ci manca carico al posteriore e per questo abbiamo pure problemi pure nella gestione degli pneumatici perché non sempre riusciamo a metterli nella giusta finestra di funzionamento”. Poi il tema principale: “La Ferrari è regolare, lo è oggi e lo era all’inizio della stagione: siamo stati controllati dalla Fia e per venire loro incontro abbiamo aggiunto dei sensori alla batteria, ma sarebbe grave se questo sistema venisse a conoscenza di tutto il paddock. È una nostra proprietà intellettuale”, dice Arrivabene a Sky.
progetto complesso — Andando oltre nei dettagli il team principal chiarisce meglio il suo pensiero: “Il progetto della nostra batteria è molto complesso, sono state fatte verifiche in passato, prima e durante la stagione e di comune accordo con la Fia sono stati aggiunti sensori per andare ancora più incontro a loro e fare ulteriori controlli, dopo che qualcuno aveva fatto delle illazioni. Questo non ci ha fatto perdere in performance, ma è un progetto di proprietà intellettuale della Ferrari. Se oggi tutto il paddock sa che la Fia ci ha fatto una richiesta, e di comune accordo abbiamo accettato di mettere il secondo sensore, mi auguro che in un domani un progetto nostro non venga conosciuto da tutto il paddock. Perché quello sarebbe grave”.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top