Calcio

Bergamini, nuova perizia La sorella: "Morto soffocato"

“Sono a conoscenza che oggi è stato effettuato il deposito. Ma io ero presente alle operazioni peritali. La mia famiglia ha lottato per una verità negata per 28 anni, consentitemi almeno questo: mio fratello è morto soffocato, senza se e senza ma. Lo sapevo già attraverso i miei consulenti. Finalmente si riconosce la verità”. È quanto scrive, sul suo profilo Facebook, Donata Bergamini, sorella di Denis, il calciatore del Cosenza che morì, in situazioni ancora oggi poco chiare, nel novembre del 1989. Al presunto suicidio la famiglia non ha mai creduto. Dopo l’ennesima riapertura dell’inchiesta, oggi si apprende che è stata depositata la super-perizia secondo la quale il calciatore sarebbe morto, a 27 anni di età, per soffocamento. La salma del calciatore era stata riesumata lo scorso luglio.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top