Moto

Cross Nazioni, la Francia cala il poker. L'Italia è 7ª

Gara bagnata, gara sfortunata. Per l’Italia, che ha chiuso il Motocross delle Nazioni al 7° posto. Dopo l’ottava posizione in qualifica, sotto la tipica pioggerella inglese e sul fango della pista britannica di Matterley Basin (110 chilometri a sud di Londra) la nazionale azzurra – che si è presentata al via con il nove volte Campione del Mondo Antonio Cairoli nella MXGP, con Michele Cervellin nella MX2 e con Alessandro Lupino nella MX Open – non è riuscita ad esprimersi al meglio. Vittoria alla Francia (campionessa per la quarta volta consecutiva) con Gautier Paulin (MXGP), Christophe Charlier (MX2) e Romain Febvre (MX Open). Sul podio anche Olanda e Gran Bretagna.
LE MANCHE — La prima gara, che ha visto confrontarsi i piloti di MXGP e MX2, è stata complicata per l’Italia fin dalla partenza. Dopo un buono scatto dal cancelletto, Antonio Cairoli è caduto alla quarta curva retrocedendo ai margini della top 15. Il siciliano è riuscito a rimontare fino all’11° piazza mentre la vittoria è andata al pilota di casa Max Anstie. Michele Cervellin, inizialmente a ridosso dei 20, ha chiuso 27° dopo una manche condizionata dalla scarsa visibilità a causa del fango in pista. Il protagonista assoluto della seconda manche (MX Open – MX2) è stato Jeffrey Herlings, vittorioso nonostante una caduta, mentre Alessandro Lupino ha svolto il ruolo di protagonista azzurro chiudendo con un’ottimo 4° posto. Il pilota Honda è partito a ridosso della top 5 per poi stabilizzarsi in 4° posizione all’inseguimento dell’australiano Kirk Gibbs. Entrato nei tre di testa, ha successivamente subito l’attacco dell’altro aussie Hunter Lawrence (poi caduto) e dello statunitense Zach Osborne, a cui Lupino non ha potuto replicare. 23° Michele Cervellin. Nell’ultima e decisiva heat (MXGP – MX Open), la bagarre per la vittoria tra Anstie e Herlings ha visto vincere il britannico tra il boato del pubblico di casa. Cairoli e Lupino non sono usciti nel migliore dei modi dal cancelletto. Anzi, il secondo è rimasto bloccato in partenza e dall’ultima posizione – la 40° – è risalito fino alla 18°. Difficile anche lo start di Tony, passato 13° al primo giro. Il siciliano ha terminato la gara in 7° piazza. A livello individuale Max Anstie, Hunter Lawrence e Jeffrey Herlings hanno vinto le classi MXGP, MX2 e MX Open. Rispettivamente 6°, 11° e 4° Cairoli, Cervellin e Lupino.
i numeriClassifica per Nazioni 1. Francia 20 pt., 2. Olanda 31 pt., 3. Gran Bretagna 32 pt., 7. Italia 63 pt. Classifica Gara 1 (MXGP – MX2) 1. Max Anstie (Gbr – Husqvarna) in 36’10”357, 2. Tim Gajser (Slo – Honda) + 6”251, 3. Gautier Paulin (Fra – Husqvarna) + 9”398, 11. Antonio Cairoli (Ita – Ktm) + 1’46”090, 27. Michele Cervellin (Ita – Honda) + 1 giro Classifica Gara 2(MX Open – MX2) 1. Jeffrey Herlings (Ola – Ktm) in 37’59”364, 2. Romain Febvre (Fra – Yamaha) + 13”730, 3. Zachary Osborne (Usa – Husqvarna) + 1’38”876, 4. Alessandro Lupino (Ita – Honda) 1’40”149, 23. Michele Cervellin (Ita – Honda) + 1 giro Classifica Gara 3 (MXGP – MX Open) 1. Max Anstie (Gb – Husqvarna) in 37’59”163, 2. Jeffrey Herlings (Ola – Ktm) + 1”108, 3. Romain Febvre (Fra – Yamaha) + 1’00”011, 7. Antonio Cairoli (Ita – Ktm) + 1’44”854, 18. Alessandro Lupino (Ita – Honda) + 1 giro
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top