Moto

Ezpeleta e quel caos al via "Rispetto le decisioni prese"

All’indomani dell’incredibile GP d’Argentina della MotoGP, l’amministratore delegato della Dorna Carmelo Ezpeleta, ha commentato le questioni relative all’avvio della gara che sono cambiate a causa delle mutevoli condizioni meteorologiche. Tornando a quello che è successo domenica, Ezpeleta ha spiegato: “La gara della MotoGP e le altre gare si sono svolte in una situazione molto difficile a causa del tempo – la Moto2 si è svolta in condizioni asciutte mentre la Moto3 era in condizioni di bagnato”.
la partenza — Riguardo la procedura di partenza: “Al momento abbiamo studiato la situazione della griglia, solo Miller stava usando le gomme slick. Il resto dei piloti ha avuto il diritto di andare alla pitlane e prendere l’avvio da lì, dopo aver cambiato il set up della moto per condizioni asciutte” dichiara Ezpeleta. “È lo stesso che è accaduto alcuni anni fa al Sachsenring, dove tutti hanno preso il via dalla pitlane”. Da quel momento in poi, hanno pianificato questa situazione: “Abbiamo preso la decisione, condivisa dalla maggior parte delle squadre, di iniziare come abbiamo fatto” (il pilota che ha preso la decisione giusta e non si è spostato dalla griglia per iniziare dalla sua posizione originale, mentre gli altri iniziano più indietro). “Questa decisione è stata presa per ragioni di sicurezza, ed è stata quella giusta”.
situazione — Per quanto riguarda la gara, il manager ha aggiunto: “La situazione era molto difficile per le condizioni meteorologiche, c’era una linea asciutta sull’asfalto. Poi quello che è successo è quello che tutti hanno visto in tv”. Ezpeleta ha difeso la decisione presa dagli steward: “Da due anni Dorna non è coinvolta nella nomina degli steward, sono nominati dalla Fim e dall’Irta. Hanno preso la decisione, che ovviamente non giudicherò”. Verrà comunque aperta una linea di dialogo con i piloti e le squadre: “Nella prossima GP Safety Commission con i piloti, ad Austin, discuteremo di questa situazione e di certo ci faremo una certa esperienza”.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top