Calcio

Gelo Federcalcio-Lega Pro Seconde squadre dal 2019

Un Paese tagliato in due, anche nei palazzi del calcio. A Milano, viaggia ad alta velocità. A Roma, si muove a fatica. L’ultima fotografia, scattata ieri pomeriggio, è emblematica: mentre Malagò portava a casa l’elezione all’unanimità di Gaetano Miccichè alla presidenza della Lega di A, Fabbricini incontrava più di qualche resistenza, definiamola così, tra gli “amici” della Lega Pro, riuniti in un Consiglio direttivo tenuto a Roma proprio per consentire la partecipazione del commissario della Figc.
nulla di fatto — Doveva essere, almeno nelle intenzioni del numero uno federale, un confronto proficuo. E invece, dopo qualche ora di discussione, constatato che le parti erano parecchio distanti, ci si è salutati con un “aggiorniamoci” che è la versione politicamente corretta del “nulla di fatto”. Sul tavolo, i temi più caldi dell’ultima campagna elettorale per la presidenza della Figc, tra cui l’introduzione delle seconde squadre. Gravina lo aveva già segnalato a Fabbricini, inviandogli un memorandum all’indomani del suo insediamento. Un lungo documento in cui la Lega Pro offriva al commissario spunti e riflessioni per una riforma condivisa del calcio italiano. Di quegli spunti, però, ieri nella cartella di Fabbricini non c’era traccia. Spariti anche i 5 milioni di euro persi con la nuova mutualità che la Figc, prima del diluvio, si era impegnata a rimborsare e che Gravina aveva assicurato alle sue società.
più avanti — Fabbricini era convinto che qualcosa avrebbe portato a casa. Pensava che sarebbe bastato notificarlo, ne erano convinti anche il vice Costacurta, ieri più che possibilista a Coverciano, e il d.g. Uva, in ferie in Oman. Evidentemente, avevano sottovalutato le buone ragioni della Lega Pro, ieri opposte una dietro l’altra a Fabbricini. Prima: bloccare i ripescaggi e riempire le caselle vuote con le seconde squadre si può fare, ma non dalla prossima stagione, perché esporrebbe Lega Pro e Figc ad una pioggia di ricorsi. Seconda: se pure i ripescaggi andassero deserti (come lo scorso anno) e si volesse inserire le seconde squadre, a quel punto non ci sarebbe più tempo per adeguare alle norme previste dalla categoria status e tesseramento delle nuove arrivate (e infatti un anno fa, pur a fronte della disponibilità mostrata da 4-5 grandi club di A, non se ne fece nulla). Terza: senza un adeguato riconoscimento economico – che la Figc non ha previsto –, con l’introduzione delle seconde squadre le società di Lega Pro hanno solo da perdere. Sfumerebbero, di colpo, i “premi” che i club di A gli riconoscono per aver valorizzati i propri talenti, un tempo elargiti con le comproprietà, oggi nel giochino riscatto/controriscatto. Quarta: se non è inserita in una più ampia riforma dei campionati, che preveda l’accorpamento di B e C e l’inserimento di un campionato semiprofessionista, l’introduzione delle seconde squadre rischia di rivelarsi solo uno sterile riempitivo. Per tutti questi motivi, alla fine della riunione, stavolta saggiamente, Fabbricini e Gravina hanno convenuto che il progetto seconde squadre resta in piedi, ma se ne parla dalla stagione 2019-20.
SUL QUOTIDIANO IL FOCUS PER CAPIRE COME FUNZIONANO I CAMPIONATI PER SECONDE SQUADRE NELLE TOP LEGHE ESTERE
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top