Volley

Guidetti batte Mazzanti Italia k.o. all'esordio

L’Italvolley femminile è stata sconfitta all’esordio nella Nations League per 3-0 (25-21, 25-21, 25-20) dalla Turchia. Per tutta la gara la giovani azzurre di Davide Mazzanti hanno faticato a reggere il ritmo delle turche del tecnico italiano Guidetti, trovando molte difficoltà soprattutto in attacco. Dall’altra parte della rete, invece, la Turchia è quasi sempre stata al comando, sfruttando molto bene la fase difensiva. Tra le fila azzurre la migliore marcatrice è stata Anastasia Guerra (13 p.), mentre la top scorer del match è risultata la turca Meryem Boz con 17 punti. Questa notte l’Italia tornerà in campo per affrontare nella seconda giornata la Polonia (ore 24, differita su RaiSport + Hd a partire dalle 0.50).
la partita — Come formazione di partenza il c.t. Mazzanti ha schierato Malinov in palleggio, opposto Ortolani, schiacciatrici Guerra e Pietrini, centrali Lubian e Olivotto, libero Parrocchiale. L’inizio è stato tutto in salita per l’Italia, al contrario della Turchia che ha subito allungato e si è portata sul (0-4). L’attacco tricolore è incappato in molti passaggi a vuoto e così le avversarie hanno incrementato il vantaggio (3-9). Nel momento in cui anche la ricezione è calata, Mazzanti ha inserito Sylla per Pietrini e poi si è giocato il doppio cambio Cambi-Mingardi Con il passare del gioco Guerra e compagne sono cresciute, ma nonostante il riavvicinamento la Turchia si è imposta senza problemi (21-25). Più equilibrato il secondo parziale, le due formazioni hanno viaggiato punto a punto sino al (9-9). La parità è stata spezzata dal muro turco, capace di frenare le attaccanti italiane (10-12). Le azzurre hanno tentato con tenacia di non perdere contatto, mantenendosi a distanza ravvicinata per lunghi tratti.
Nel finale, però, le ragazze di Mazzanti hanno sprecato delle buone occasioni e la Turchia ne ha approfittato (21-25). Nel terzo set l’Italia ha cercato di imporre il proprio ritmo, ma la Turchia si è riportata velocemente in parità (13-13). Le azzurre hanno accusato il colpo, permettendo alle avversarie di allungare (14-17). Una volta al comando le turche non hanno più rallentato, mentre l’Italia non è più riuscita a rientrare e si è dovuta arrendere (20-25). «Contro la Turchia non siamo stati mai in partita e abbiamo subito tanto nel fondamentale di muro-difesa – spiega il ct azzurro Davide Mazzanti -. Durante il corso del match non siamo stati capaci di trovare le giuste contromisure alle nostre avversarie, perdendo anche lucidità in attacco. Forse il set dove abbiamo sprecato di più è stato secondo, ci sono state delle buone cose, ma non siamo stati in grado di sfruttare delle buone occasioni e la Turchia ne ha approfittato. Avevo detto alle ragazze che dobbiamo costruire partita dopo la partita la nostra identità e per questo anche una sconfitta così fa parte del percorso di crescita. Dobbiamo avere più fiducia nei nostri mezzi». «Oggi abbiamo fatto tanta fatica, senza mai riuscire a trovare il nostro gioco – le parole di Serena Ortolani -. Direi che siamo entrate in campo con il freno a mano tirato e la Turchia è stata brava ad approfittarne. Mi dispiace anche a livello personale perché non sono riuscita a dare una mano alla squadre nei momenti difficoltà. Anche se non sono molte dobbiamo ripartire dalle cose che hanno funzionato e crescere in tutti gli altri aspetti. Stanotte abbiamo subito l’occasione di riscattarci, contro la Polonia dovremo scendere in campo con un atteggiamento diverso e dare il 100%».
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top