Calcio

Insultò Ramos su Instagram Storica squalifica di Lovren

Il calcio all’epoca dei social network. Se da una parte Facebook, Twitter, Instagram e affini sono la cassa di risonanza di club e giocatori, dall’altra possono rivelarsi una minaccia. E nei casi più estremi un boomerang. Come è successo a Dejan Lovren, difensore del Liverpool e della nazionale croata. La notizia è fresca di giornata: il giocatore è stato squalificato dalla Uefa per “aver violato le regole base di condotta sportiva”. Salterà la prima gara di qualificazione a Euro 2020 contro l’Azerbaigian. Fino a qui nulla di strano. Per capire l’importanza della decisione, allora, bisogna fare un passo indietro.
la pietra dello scandalo — Precisamente bisogna tornare allo scorso 15 novembre, giorno in cui la Croazia ha battuto la Spagna di Luis Enrique in Nations League 3-2. Dopo la vittoria, Lovren ha scelto una diretta Instagram per festeggiare (e non solo): “Gli ho dato un bella gomitata – ha ammesso, rivolgendosi a Sergio Ramos -. Parla adesso amico! Siete un branco di fighette!”. Più avanti ha calcato la mano, definendo gli spagnoli “codardi”. Per poi finire con un post con una foto che ritrae il difensore del Liverpool mentre sovrasta di testa proprio il capitano del Real Madrid. Il comportamento irrispettoso non è passato inosservato ai radar della Uefa, che due mesi dopo ha usato il pugno duro, presentando un conto salatissimo al croato e creando uno storico precedente. Giocatori e staff sono avvisati: rispetto degli avversari non solo in campo e in conferenza, ma anche nel mondo “liquido” dei social.

Visualizza questo post su Instagram

Dobro jutro Hrvatska ??

Un post condiviso da Dejan Lovren (@dejanlovren06) in data:

storie tese — L’episodio che è valso la squalifica è solo la punta dell’iceberg del rapporto burrascoso tra Lovren e Ramos, sia con la maglia delle nazionali che con quella dei rispettivi club. Tutto ha avuto inizio in occasione della finale di Champions, vinta dal Real contro i Reds. Quella sera a Kiev un fallo dello spagnolo costrinse Salah ad abbandonare il campo già nel primo tempo per un infortunio alla spalla, causando la rabbia di Klopp e dei suoi. In conferenza stampa Lovren non le mandò a dire: “Sergio Ramos è fortunato. Fa più errori di me, ma gioca nel Real Madrid. Varane è più forte di lui”. “C’è gente che parla solo per frustrazione”, fu la risposta del difensore spagnolo. Poi in Nations League l’epilogo, il “per ora” in questo caso è d’obbligo. Rimane solo una consolazione per Lovren: il turno di squalifica sarà da scontare in Nazionale contro il modesto Azerbaigian e non in Champions nell’andata degli ottavi dei Reds contro il Bayern Monaco. Sospiro di sollievo anche per Klopp.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top