Moto

Lorenzo, che spavento Brutto volo nelle Libere2 Esami ok, nessuna frattura

Grossa paura per Jorge Lorenzo nelle Libere2 del GP di Thailandia. Alla curva 3 del circuito di Buriram il maiorchino, già dolorante per la frattura al metacarpo del piede destro rimediata ad Aragon, incappa in un high side che lo sbalza violentemente al suolo. La Ducati del maiorchino si intraversa in modo assolutamente imprevisto con il pilota proiettato in aria e ricaduto pesantemente sull’asfalto fra la schiena e il fianco destro. Lorenzo si muove regolarmente, apre lo stivale destro da solo, ma viene portato via in barella al centro medico del circuito per essere sottoposto a ecografie e lastre al piede destro e al polso sinistro. Dai riscontri in circuito non risultano fratture e nemmeno emergono microlesioni dagli esami ulteriori al polso effettuati, per maggiore scrupolo, all’ospedale di Buriram.
fit — “Jorge non ha grosse fratture, per la direzione gara al momento è ‘fit’ e in condizione di correre, è un combattente e proverà a farlo. Vediamo come evolve la situazione perché la botta è stata dura – dice il team manager della Ducati Davide Tardozzi -. Non mi ha saputo dire alcunché sulle ragioni della caduta, era solo molto arrabbiato. Mi ha chiesto se aveva esagerato lui con la frenata, ma non si è trattato di un errore del pilota: c’è stato un problema tecnico su cui stiamo investigando ed è un qualcosa che non era mai accaduto”. Anche Gigi Dall’Igna al riguardo conferma: “Verificheremo tutto, ma non è questione di guida di Jorge”.

dovizioso il migliore — Dopo l’interruzione della sessione con bandiera rossa per pulire la pista dai detriti lasciati da Lorenzo, si riprende con l’acuto di Dovizioso. Il forlivese della Ducati è infatti il più veloce di giornata: con il tempo di 1’31″090 precede Vinales (Yamaha), una conferma dal mattino, 2° a soli 31 millesimi, e Crutchlow (Honda Lcr), 3° a 0″074. A seguire, in una classifica cortissima – il 10° è a 0″331 dal primo -, ecco: 4° Marquez (Honda) a 0″098, 5° Petrucci (Ducati Pramac) a 0″148, 6° Iannone (Suzuki) a 0″166, 7° Bautista (Ducati Nieto) a 0″288, 8° Pedrosa (Honda) a 0″295, 9° Rossi (Yamaha), in flessione rispetto alla prima sessione, a 0″308 e 10° Zarco (Yamaha Tech3) a 0″331.
moto2 — In Moto2 miglior tempo per Mattia Pasini in 1’36″839 davanti a Francesco Bagnaia (+0″142), Alex Marquez (+0″298), Lorenzo Baldassarri (+0″306) e Luca Marini (+0″356), con Oliveira 8°.
moto3 — In Moto3 c’è Ayumu Sasaki davanti a tutti i 1’43″468 284. Il giapponese precede Jakub Kornfeil di 0″011, Gabriel Rodrigo di 0″032, Niccolò Antonelli di 0″052 e Fabio di Giannantonio di 0″098. Marco Bezzecchi è 12° mentre Jorge Martin è 19°.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top