Basket

Milano sul 2-0 con Cantù Brescia pazzesca nel finale

Quarti playoff: Milano e Brescia vincono le rispettive gare 2 e si portano entrambe sul 2-0 con Cantù e Varese rispettivamente.
Milano-Cantù 87-75 — L’EA7 arpiona anche il secondo atto della sfida con Cantù, 87-75, ed andrà a giocarsi mercoledì al PalaDesio il primo matchball. Primo tempo largamente dominato da Milano che vola sino al più 25 trascinata da Bertans e Gudaitis. Nella ripresa reazione d’orgoglio dei brianzoli che arrivano sino al meno 6 sull’asse Burns-Culpepper-Thomas. Nel quarto periodo la superiorità in vernice di Tarczewski, oltre alle iniziative di Micov e Kuzminskas, respingono la rimonta della Red October. LA GARA Avvio a ritmi alti e con conclusioni rapide, Cantù subito concentrata e tonica rispetto alla prima sfida, di Thomas i primi colpi, 6-9. Milano prova subito a rispondere con Cinciarini e Micov, sorpasso timbrato da Tarczewski, 10-9. Burns e Thomas tengono botta sotto canestro, una fiammata di Kuzminskas tiene avanti l’EA7, 17-15. Mini strappo Olimpia in chiusura di primo quarto, sempre Micov tra i protagonisti con lo squillo del solito Jerrells, 24-17. Tocca la doppia cifra il vantaggio biancorosso con gli 8 punti filati di Bertans, Cantù soffre le penetrazioni dei piccoli milanesi, Gudaitis con il 2+1 del massimo allungo, 40-25. Non ci sono argini contro il centro lituano che domina a rimbalzo d’attacco, straripano i padroni di casa che volano sino al più 25, complice l’antisportivo di Thomas, 50-25. Culpepper rompe l’assedio con due triple, un tecnico a Micov rianima la Red October che rientra sino a meno 13 all’intervallo, 54-39. Dopo la pausa lunga brianzoli ancora in piena rimonta, Milano spreca diversi tiri con spazio, Burns per il meno 11, 54-43. Segna solo ai liberi l’Olimpia nei primi 5 minuti della ripresa, arriva il quarto fallo di Kuzminskas, un paio di iniziative di Ellis e la tripla di Thomas riaprono la gara, 59-50. E’ un momento magico per i brianzoli che tornano sino a meno 6, schiacciata di Culpepper, replica Pascolo con un coast to coast che esalta il Forum, 65-55. Più rabbiosa la difesa canturina rispetto alla prima parte di gara, Bertans respinge la prima ondata biancazzurra, 68-55 alla penultima sirena. Prezioso il lavoro di Tarczewski in area colorata che segna liberi importanti, Culpepper guida il nuovo assalto della Red October, 70-61. Goudelock spara a salve, ci pensano ancora una fiammata della coppia Micov-Tarczewski a dare la scossa in casa biancorossa, 75-61. Esce per falli Burns, sin li il migliore tra gli ospiti, Kuzminskas e Micov per il più 15 80-65. Non basta ai brianzoli il sussulto finale del solito Culpepper, l’Olimpia chiude con Tarczewski, 87-75. Marco Taminelli
EA7 MILANO: Bertans 16, Kuzminskas 15, Micov 13, Tarczewski 12 (con 9 rimbalzi)
RED OCTOBER CANTU’: Culpepper 24, Burns 18 (con 11 rimbalzi), Thomas 18
brescia-varese 77-75 — 2-0: la serie tra Brescia e Varese si sposta a Masnago con la Leonessa che mantiene il fattore campo ed il matchpoint da sfruttare mercoledì sera. Ma è stata un’autentica battaglia quella del palaGeorge decisa nei secondi finali. Per il secondo capitolo dei quarti di finale c’è il sold-out e coach Diana opta per Hunt, lasciando in tribuna Moore: Caja riparte dal gruppo che lo ha portato ai playoff. 3 falli tecnici, 1 antisportivo: partita durissima in terra bresciana con la necessità da parte di Varese di rimontare lo svantaggio di gara-1: parte col piede giusto (2-9) la squadra biancorossa sfruttando la poca verve di Brescia al tiro. La forza d’urto dei biancorossi è impressionante, ed arriva la doppia cifra di vantaggio ospite (4-14) nonostante un poco confortante 1/8 dall’arco. Brescia sprofonda a – 15 (7-22) quando mancano quasi due giri di lancette alla prima sirena: la difesa asfissiante di Varese toglie tranquillità all’attacco locale che dà segnali di risveglio nelle fasi finali di quarto, continuando il parziale (10-0) fino al rientro a quota -5 (17-22) a inizio secondo quarto. Gli uomini di Caja giocano una pallacanestro efficace in difesa e con le triple di Vene tornano abbondantemente avanti (21-35). C’è bisogno del miglior Landry per arginare il nuovo strappo ospite : 2 triple dell’ex mvp del campionato fanno partire il controbreak bresciano che porta al pareggio di inizio ripresa (40-40). Varese però non vuole ripetere l’esperienza di sabato scorso e con 2 contropiedi di Avramovic si rimette a correre (48-53). Dopo l’ennesimo malfunzionamento all’attrezzatura dei 24” ed una sospensione di quasi 10’ è sempre Varese a dettare legge sul parquet bresciano tornando a + 9 (53-62) a inizio ultimo quarto. Moss e Sacchetti non si arrendono e Brescia ritorna in vantaggio con una tripla di Luca Vitali (65-64). Il finale diventa un rovente punto a punto con Varese sempre avanti con scarti minimi fino al 75 pari a 55” dalla fine. Larson si schianta sulla difesa, ma recupera la rimessa ma Avramovic sbaglia. Landry a 7” da il massimo vantaggio a Brescia: sull’ultimo tentativo Okoye tira una tripla completamente fuori equilibrio. Brescia è a un passo dalle semifinali. Alberto Banzola
BRESCIA : Moss 17, Landry 15, M.Vitali 14.
VARESE: Avramovic 20, Vene 18, Cain 11.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top