Volley

Perugia, bastano due set qualificato alla Final Four

NOVOSIBIRSK – PERUGIA 3-2 (20-25, 25-22, 17-25, 25-21, 15-11) — Perugia perde l’imbattibilità in Champions League dopo una serie di 11 vittorie consecutive, ma centra ugualmente la final four,regalandosi quindi nella semifinale del prossimo 12 maggio la rivincita di quella finale persa lo scorso anno a Roma contro Kazan. La Sir è stata battuta al tie-break dalla Lokomotiv Novosibirsk, ma già vincendo due set aveva acquisito la qualificazione in virtù del successo per 3-1 maturato una settimana fa nella gara di andata al PalaEvangelisti. In avvio il tecnico degli umbri ha presentato De Cecco in regia, Atanasijevic opposto, Podrascanin ed Anzani centrali, Zaytsev e Russell schiacciatori e Colaci libero. Non è stata una gara agevole e del resto lo si sapeva. Nel primo set la situazione è rimasta in equilibrio sino ad oltre la metà, poi la Sir ha avuto la forza di allungare portandosi sul 16-20 grazie a forti percentuali in attacco (65% di squadra) e con uno Zaytsev (6 punti nel set e 13 in totale nella gara) subito protagonista ed andando a chiudere la frazione (20-25) con un magnifico ace di Atanasijevic. Sembrava poter essere ancora più facile nel secondo set, a lungo in mano agli uomini di Bernardi, trascinati in questo caso da un ottimo Anzani (tre attacchi a terra su quattro ed un ace). Ma sul 19-21 c’è stata una pausa (facendo tornare alla mente quella del finale di primo set in gara-2 di semifinale playoff a Trento) che ha permesso ai russi di andare a vincere e chiudere (25-22) con un ace facilitato da un’errata ricezione di Zaytsev. Ma la forza di questa Sir, come ha più volte dimostrato in questa stagione, è anche quella di saper reagire ai momenti difficili e così nel terzo set i russi si sono trovati a dover soccombere sin dalle prime battute sotto i colpi del solito Atanasijevic (6 punti nel set e 16 in totale nel match) e di Podrascanin (5 punti con l’83% in attacco), che hanno permesso così a Perugia di festeggiare la qualificazione alla final four senza dover aspettare la fine della partita. Nel quarto set Perugia (con Ricci e Andric al posto di Anzani e Atanasijevic) ha pagato con un calo di tensione quanto speso nella frazione precedente, permettendo al Lokomotiv di allungare ed inducendo Bernardi al turn over nell’ultima parte, con gli ingressi in campo di Siirila, Shaw, Della Lunga e Berger. Proprio un errore dell’austriaco nella seconda battuta di fila (dopo un suo ace) ha permesso ai russi di andare a vincere (25-21). Nel tie break Bernardi ha lasciato in campo Shaw-Andric, Siirila-Ricci, Della Lunga-Berger e Cesarini libero e la Lokomotiv ne ha approfittato per andare a vincere (15-11, regalando una gioia ai propri tifosi prima di salutare per quest’anno la competizione. Chiusa la parentesi siberiana di Champions League, per Perugia è il momento di pensare a gara-4 della semifinale playoff-scudetto di domenica (ore 18) a Trento, con il sestetto di Bernardi avanti 2-1 nella serie.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top