Calcio

Ronaldo: "Mai rilassarsi Lo United non meritava"

Alla fine, il colpo con cui Cristiano ha provato a domare il Manchester United è valso ogni istante dei 184 minuti bianconeri – 454 totali – di spasmodica e condivisa attesa, perfettamente spiegata dagli oltre quarantamila sospiri arrivati sugli spalti dello Stadium. Un lancio di Bonucci, il solito scatto a perdifiato e… il destro. Volante. Secco. Preciso. Sfrecciato a un centimetro (quello giusto) dal palo interno e in grado di regalare un sorriso sornione soprattutto ad Andrea Agnelli, convinto che quella singola istantanea di felicità avrebbe donato tutt’altro finale. Ecco: il sorriso s’è presto fatto smorfia, perché ora l’1-2 strappato dallo United all’Allianz Stadium per lo meno rinvia il discorso qualificazione.
IL COMMENTO — Buona allora la terza, per Ronaldo. Che non andava in gol in Europa dall’11 aprile 2018, quando con un calcio di rigore all’ultimo istante spedì il Real in semifinale di Champions condannando a un’eliminazione beffarda proprio la Juventus. “Questa è una competizione in cui magari stai vincendo, però non puoi rilassarti – ha commentato il portoghese ai microfoni di Sky -. Abbiamo dominato tutti i 90 minuti, abbiamo avuto più occasioni e potevamo chiuderla”. Sugli avversari, CR7 è categorico: “Lo United non ha fatto niente per meritarsi la vittoria, non va chiamata fortuna perché questa si cerca”. Resta comunque una lezione importante. Che la Juve ha già assorbito: “Non è mai bello perdere – chiosa il numero sette -. Questo era comunque il momento migliore per farlo. La squadra è stata ottima, dobbiamo alzare la testa: siamo primi ora e lo saremo anche alla fine”. Del resto, dopo un piccolo blackout c’è sempre la luce. Ronaldo l’ha dimostrato in prima persona.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top