Calcio

Samp, il giorno di Gabbiadini Visite ok, domani in tribuna

Visite mediche stamane al Laboratorio Albaro per Manolo Gabbiadini, che subito dopo si è recato presso la sede blucerchiata di Corte Lambruschini. In serata, poi, nel consueto ritiro blucerchiato del levante cittadino, dove ha trovato sistemazione anche lo stesso attaccante, il neo acquisto della Samp avrà il primo contatto diretto con i nuovi compagni di squadra e con Giampaolo. Domani, poi, sarà in tribuna d’onore al Ferraris per assistere alla sfida degli ottavi di coppa Italia contro il Milan.
plauso — Per Giampaolo l’arrivo di Gabbiadini è assolutamente positivo, e il tecnico ne illustra i motivi: “E’ un giocatore che per caratteristiche può essere ben contestualizzato rispetto a quello che è il nostro pensiero di calcio. Per me lui non è un’ala, non deve stare lì nel traffico… Aspetto però di vederlo e di allenarlo. Lo faremo integrare con il resto della squadra, è un calciatore in più che è venuto per darci una mano. Non avevamo grandi problemi realizzativi, ma l’idea di prendere Gabbiadini va contestualizzata per diversi motivi”. Come, per esempio, riguardo “all’uscita di Kownacki, o al fatto di avere un parco attaccanti di un certo rilievo, o anche in prospettiva futura. Penso che lui per caratteristiche tecniche possa darci una mano. Io penso che a gennaio migliorare la Samp sia però difficile, perché non ci credo, a meno che tu non prenda Koulibaly dal Napoli, o Pjanic o Messi. Difficile… Io posso migliorare la squadra ampliando la qualità delle alternative, ampliando il numero dei calciatori che possono essere sempre titolari. A giugno è un discorso diverso. Gabbiadini rientra dunque in questo mio pensiero. E’ un titolare in più e con lui miglioreremo le qualità collettive del gruppo”. Però il tecnico ci tiene a ribadire un concetto: “difficile alzare il target Samp. Gabbiadini rientra nell’ottica di potenziamento collettivo di un gruppo di calciatori. Non so se sia un’alternativa a Quagliarella o a Caprari, come prima o seconda punta. Devo vedere”.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top