Formula 1

Vettel: "Voltiamo pagina Io colpevole solo a Baku"

La delusione è stata forte, superiore a quella che si poteva immaginare di fronte a numeri implacabili. Ci sarebbe voluta una combinazione di fattori per tenere aperto il campionato almeno sino a questa trasferta americana. Ma da come parla Sebastian Vettel ci ha davvero sperato. “Sì la delusione è stata tanta, ma è il momento di voltare pagina: altra pista, altra gara. Ci sono ancora due gare dove ovviamente da una parte penseremo al 2018 e dall’altra cercheremo di sfruttare al massimo il potenziale della vetture. C’è ancora un secondo posto da difendere (Bottas è staccato di 15 punti e in teoria dunque potrebbe con 50 punti ancora a disposizione pure scavalcarlo; n.d.r.)”. archiviate le critiche — Archiviate le critiche di Marchionne (“se abbiamo perso è anche per errori o valutazioni errate dei piloti”) con una scrollata. “Ho sbagliato davvero solo a Baku, per il resto la stagione è andata sufficientemente bene”, ha detto Seb. E poi via verso il 2018 quando lui e Hamilton si giocheranno un altro posto nella storia (Verstappen permettendo), perché chi dei due metterà in cassaforte il quinto titolo, raggiungerà un mito delle corse come Juan Manuel Fangio.
amarcord raikkonen — Tempo di amarcord per Raikkonen, che qui 10 anni fa vinse il titolo con la Ferrari, l’ultimo per la casa di Maranello: “È stato tanto tempo fa – dice Kimi -, fu bellissimo, ma tutta la stagione fu meravigliosa, con tanti momenti anche difficili: dopo non è che ci abbia pensato molto, perché non è che ti cambia la vita, non facciamone una storia”. Poi uno sguardo al presente e al futuro: “Per il 2018 voglio lottare per stare davanti sempre e per il campionato: quest’anno non siamo dove vorremmo essere, abbiamo fatto dei passi avanti, ma non sufficienti per rispondere alle nostre aspettative. Però ci sono gli strumenti per perfezionarci e non fare più certi errori. La stagione poteva andare meglio, ma anche peggio: ora cerchiamo di portare a casa gli ultimi due GP per poi ripartire da zero nel 2018”.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le più lette

To Top